Si è svolta oggi al Deodoro Olympic Park di Rio de Janeiro, Brasile, la gara di qualificazione maschile della seconda prova di Coppa del Mondo 2016. Evento che assume grande rilievo in quanto si svolge nella sede di gara dei prossimi Giochi olimpici, e assegna punti preziosi per il ranking internazionale attraverso il quale saranno assegnate 8 carte olimpiche. In gara c’erano 103 pentatleti, suddivisi in 3 Gruppi, a caccia dei 36 posti della finale che si svolgerà domani e domenica, tra i quali gli azzurri Riccardo De Luca e Pier Paolo Petroni (Gruppo A), Auro Franceschini (Gruppo B) e Fabio Poddighe (Gruppo C).  

De Luca (2° con 1141 punti), Petroni (4° con 1141 punti), e Franceschini (10° con 1149 punti) hanno centrato l’appuntamento con la finale. Poddighe (16° con 1103 punti) non è riuscito a qualifcarsi. Risultati completi sul sito della UIPM (pentathlon.org). 

 

LA GARA

Il migliore degli azzurri è stato il romano Riccardo De Luca che ha conquistato la vetta della classifica vincendo la prova di scherma con 250 punti (23v-10s), poi è sceso all’8° posto dopo il nuoto chiuso in 2:11.80, infine nel combined ha rimontato sei posizioni chiudendo al 2° posto in 11:54.30.

Ottima anche la prova dell’altro romano Pier Paolo Petroni, che dopo aver chiuso la scherma al 4° posto con 236 punti (21v-12s) si è confermato nella stessa posizione di classifica dopo la prova di nuoto chiusa in 2:05.99, infine nel combined ha contenuto lo sforzo chiudendo sempre al 4° posto in 11:58.60.

Buona anche la prova Auro Franceschini ha stampato la 3^ prestazione nel nuoto chiudendo in 2:00.37, poi grazie a una buona prova di scherma, chiusa con 226 punti (20v-14s) si è attestato al 4° posto, dunque in piena zona qualificazione. Nella prova finale, il combined, l’azzurro ha chiuso in 11:56.01 perdendo sei posizioni ma comunque dentro la finale.

Infine, il sassarese Fabio Poddighe ha chiuso il nuoto al 4° posto in 2:00.81, poi nella scherma ha conquistato solo 173 punti scivolando in 15^ posizione, dunque lontano dalla zona qualificazione. Nel combined, poi, ha accusato un problema fisico dopo il terzo giro di corsa, quindi ha chiuso in 12:09.46 fuori dal gruppo dei qualificati. 

Vuoi entrare a far parte della nostra community e rimanere aggiornato su tutti i risultati, news e curiosità del mondo FIPM? Iscriviti alla nostra newsletter.
Vuoi entrare a far parte della nostra community e rimanere aggiornato su tutti i risultati, news e curiosità del mondo FIPM? Iscriviti alla nostra newsletter.